Salta al contenuto

Sabato 23 Settembre 2017

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina
Leftbar
Contenuti principali

DOMANDE FREQUENTI

In questa sezione del sito vengono pubblicate le risposte alle problematiche più comuni relative alla gestione di una pratica SUAP.

  • Come fa un cittadino ad ottenere un indirizzo PEC Posta Elettronica Certificata?

I cittadini possono ottenere gratuitamente un indirizzo di posta certificata sul sito PostaCertificat@, oppure possono acquistarlo da un fornitore ufficiale di  PEC. Per acquistare una casella di PEC è necessario rivolgersi ai soggetti iscritti nell’Elenco Pubblico dei gestori di posta elettronica certificata o a uno dei distributori da essi autorizzati. L'elenco pubblico è consultabile sul sito web di DigitPA - Ente nazionale per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione.

  • Come fa un cittadino ad ottenere una smart-card per la firma digitale?

Per la firma dei documenti è possibile utilizzare in primo luogo la CNS - Carta Nazionale dei Servizi. Per maggiori informazioni visitare il sito web dedicato.
La CNS in alcune realtà viene fornita gratuitamente a tutti i cittadini e pertanto non occorre dotarsi di altri strumenti.
Dove non esistono queste possibilità è possibile acquistare il dispositivo di firma digitale da un certificatore accreditato. Per ulteriori informazioni visitare il sito web dedicato.

  • II cittadino deve necessariamente utilizzare la propria smart-card e la propria PEC?

No, il cittadino che, ad esempio, intende presentare una pratica di avvio di attività, potrà compilare la modulistica necessaria in formato cartaceo, sottoscriverla allegando copia del documento di identità ed aggiungendo la PROCURA ad un altro soggetto, perché questi la sottoscriva e la presenti tramite PEC.

  • Una volta inviata la pratica al SUAP  attraverso il portale regionale, dopo quanto posso avviare l'attività?

All’atto della presentazione della pratica, il software regionale rilascia una ricevuta automatica che ne attesta la presentazione e la presa in carico da parte del sistema. Se le pratiche sono trasmesse al SUAP attraverso i canali indicati all’art. 6 delle Direttive SUAPE, diversi dal software regionale, l'attestazione di corretta trasmissione, comunque denominata, è equivalente alla ricevuta automatica.
La ricevuta automatica produce i medesimi effetti delle ricevuta definitiva e costituisce titolo efficace, oltre che per l’avvio dell’intervento, anche per l’espletamento di tutti gli obblighi successivi, fra cui la comunicazione di effettivo inizio dei lavori edilizi, la trasmissione della Comunicazione Unica ed ogni  altro adempimento previsto dalle norme vigenti. La ricevuta automatica è equivalente a quella definitiva anche ai fini dei controlli degli organi di vigilanza comunque denominati.
Nei casi di procedimento in conferenza di servizi occorre attendere il rilascio del provvedimento unico autorizzatorio.

  • La mia pratica è stata dichiarata IRRICEVIBILE: cosa significa?

In caso di omissioni o carenze non sanabili ovvero di decorso infruttuoso del termine assegnato per la regolarizzazione, il SUAP, è tenuto a dichiarare espressamente l’irricevibilità della DUA, motivandola, e a dare atto che la stessa è priva di qualsiasi efficacia con effetto sin dalla data di trasmissione della pratica.

  • Dopo che la pratica è stata dichiarata IRRICEVIBILE devo trasmettere nuovamente tutto quanto?

Si, in quanto, a seguito della comunicazione di irricevibilità, nessun documento già inviato potrà essere fatto salvo.

  • L'efficacia immediata vale anche per gli interventi edilizi?

Sì, secondo quanto previsto dal Decreto del Presidente della Repubblica 160/2010.
Limitatamente ai casi di interventi edilizi soggetti a permesso di costruire e per quelli soggetti alla procedura abilitativa semplificata (PAS) di cui all'art. 6 del D.Lgs. 28/2011, l’intervento può essere avviato trascorsi venti giorni solari dalla data di presentazione della dichiarazione autocertificativa al SUAP

  • Posso inviare la PEC anche quando il SUAP è chiuso?

Certamente. Il software regionale può essere utilizzati 24 ore su 24 e quindi anche quando gli uffici SUAP sono chiusi. Ai sensi dell’art. 6.1 delle Direttive SUAPE nel caso in cui il software non sia temporaneamente disponibile, in caso di urgenza la pratica può essere inviata alla casella PEC (Posta Elettronica Certificata) del SUAP.

  • Come fa l'interessato a pagare l'imposta di bollo se manda la documentazione tramite PEC o portale regionale?

Per l'assolvimento dell'imposta di bollo deve essere utilizzato il modello istanza, pubblicato sul sito www.sardegnaimpresa.eu.

Rightbar